Questo fine settimana è iniziato il festival SXSW 2019 che si tiene a Austin, Texas, che negli ultimi anni è servito come piattaforma per le varie start-up e aziende che mostrano i progressi di tutti i tipi di dispositivi e sviluppi. Samsung è una delle aziende presenti a questo festival, e ha colto l’occasione per mostrare tre nuovi progetti pilota derivanti dalla Creative Lab Progetti (C-Lab), il suo ormai famoso think tank.

Questa volta, la C-Lab di Samsung presenta due applicazioni per smartphone, essendo queste una soluzione interessante da aggiungere alla realtà virtuale, in quanto sono dotati di tecnologia che permette un ulteriore grado di immersione dell’utente.

Samsung Entrim 4D, la realtà virtuale ora si sente

Apparecchi acustici Entrim 4D Samsung è il più attraente del progetto C-Lab, in quanto questi apparecchi acustici sono in grado di “ingannare” il responsabile della regolazione dell’equilibrio e del movimento all’interno dell’orecchio, che in sincronia con le immagini proiettate dal casco di realtà virtuale, lasciano che la sensazione non solo attraversi la vista, ma anche il corpo.

4d Entrim

Attraverso gli elettrodi, viene inserita una stimolazione vestibolare (GVS), ovvero segnali elettrici interni alle nostre orecchie, che fanno parte dell’azione che stiamo vedendo nello schermo, come ad esempio la direzione e la velocità, come un effetto cinema 4D.

Questo nuovo modo di fare realtà virtuale ha interessato numerosi professionisti coinvolti nello sviluppo di hardware, ingegneri del software ed esperti di ingegneria biomedica, con una sperimentazione attiva su più di 1.500 utenti. Uno degli obiettivi di questi apparecchi acustici è di eliminare le vertigini e la nausea causata dai visori, perché ora il nostro corpo può sentirsi parte di ciò che si sta vedendo in maniera completa, qualcosa che mancava dalla realtà virtuale, e dove Samsung continua a investire tempo e sforzi, come abbiamo visto in passato con Unpacked in MWC e le montagne russe del progetto Six Flags.

Un altro progetto portato avanti dalla C-Lab è un’applicazione mobile dal nome Hum On, un’applicazione che permette di trascrivere, modificare e condividere le melodie canticchiate o che si ascoltano da una fonte sonora come può essere una radio.

L’ultimo dei tre progetti presentati da Samsung è Waffle, un’altra applicazione mobile focalizzata sulla condivisione dei contenuti. Chiunque può partecipare con l’aggiunta di contenuti e la creazione di una storia.

Questi progetti sono in una fase di sviluppo iniziale.

Apparecchi acustici che stimolano l’orecchio internamente. Samsung vuole sentire la realtà virtuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *